Tag Archives: Forum Austriaco di Cultura

Concerto „Non solo piano” – Recital per violino, violoncello e pianoforte

28 May

Concerto „Non solo piano”
Recital per violino, violoncello e pianoforte

Viale Bruno Buozzi, 113, 00197 Roma
Ingresso libero – fino a esaurimento posti

28 maggio 2010 – ore 20

Il concerto “Non solo piano” al Forum Austriaco di Cultura conclude la rassegna “Non solo Piano!”, realizzata in collaborazione con l’Associazione Amici della Musica di Roma.

Programma

Franz Joseph Haydn Sonata in Do Maggiore Hob. XVI: 35
per pianoforte solo
Allegro con brio

Wolfgang A. Mozart Sonata in Sol maggiore K 301
per violino e pianoforte
Allegro con spirito
Allegro

Johann S. Bach Ciaccona dalla Seconda Partita
per violino solo

PAUSA

Ludwig v. Beethoven Rondò WoO41
per violino e pianoforte

Johann S. Bach Preludio, Sarabanda e Giga dalla Suite in Do maggiore BWV 1009
per violoncello solo

Wolfgang A. Mozart Trio per violino, violoncello e pianoforte K 502
Allegro

Laura Ruzza, pianoforte
Alessandro Miele, violino
Adriano Ancarani, violoncello

Organizzazione: Forum Austriaco di Cultura e Associazione Amici della Musica di Roma

Per informazioni: Forum Austriaco, 063608371 e www.amicimusicaroma.it

Advertisements

LETTERATURE, seconda serata

26 May

Ieri, 25 maggio, seconda serata del Festival LETTERATURE, nella suggestiva cornice della Basilica di Massenzio, con il tema “AFFETTI” come filo conduttore degli interventi.

L’apertura della serata vede il duo capitolino Bud Spencer Blues Explosion dare saggio delle proprie capacità live. Musica gradevole, ottima presenza scenica caratterizzano l’esibizione del duo che ormai è una realtà consolidata nel panorama musicale italiano.

A seguire, il primo intervento tocca a Michela Marzano, Professore ordinario di Filosofia Morale alla Sorbona di Parigi. Il suo inedito: “Addomesticare la vita: società e famiglia”, analizza la possibilità per le donne di provare sentimenti ed esprimerli in una società che cambia pur mantenendo preconcetti e pregiudizi.

Delphine De Vigan, scrittrice francese, legge un divertente inedito dal titolo: “Una notte di Natale”, che offre un ritratto di famiglia al femminile in cui la protagonista si ritrova ad essere la figlia più piccola Elsa, che scopre che Balthazar, il suo topolino, non è un maschio …

La contraddittoria vicenda narrata da Anita Nair, scrittrice indiana, mette in evidenza il ruolo stesso della donna in una società ancora ricca essa stessa di contraddizioni, come quella indiana. “La metà di un peccato”, il suo inedito, racconta una vicenda che colpisce, stimola la riflessione, spinge a farsi domande: il nostro punto di vista è sempre quello giusto? La prima impressione, quello che già sappiamo, quello che vediamo immediatamente, è sempre vero, affidabile, credibile ?

Umano e Divino (Von Menschen und Göttern)

18 May

Umano e Divino
(Von Menschen und Göttern)

Mostra con lavori della scultrice austriaca Sabine Pleyel

Concerto „Pleyel & Pleyel”
con musiche di Ignaz Pleyel, Albert Franz Doppler e.a.

18 maggio 2010 / martedì / ore 20.00

Forum Austriaco di Cultura
Viale Bruno Buozzi, 113 00197 Roma

Ingresso libero – fino a esaurimento posti

Il concerto si tiene in occasione della mostra di Sabine Pleyel, discendente del compositore e allievo di Haydn Ignaz Pleyel.

Programma

Joseph Haydn:Trio per pianoforte, flauto e violoncello in re maggiore, Hob XV: 16. Allegro; Andantino piuttosto Allegretto;  Vivace assai.

Albert Franz Doppler: «Souvenir du Rigi» op. 38 per flauto, violoncello e pianoforte.

Bohuslav Martinu: Trio per flauto, violoncello e pianoforte. Poco Allegretto; Adagio; Andante-Allegretto scherzando.

Pausa

Francis Poulenc:Sonata per flauto e pianoforte. Allegretto malinconico; Cantilena; Presto giocoso.

Ignaz Pleyel:Grand Trio op. 29 per pianoforte, flauto e violoncello. Allegro; Andante; Rondò- Allegro.

Barbara Gisler-Haase (flauto) nasce a Vienna. In una famiglia con l’interesse per la musica è presto incoraggiata verso questa disciplina scoprendo, attraverso il flauto dolce e il pianoforte, il flauto traverso. Frequenta il Liceo Musicale di Vienna e studia all’allora Accademia di Musica e Arte Figurativa di Vienna. Plurivincitrice dei concorsi “Jugend musiziert” (“La gioventù suona”). Nel 1973 diploma in concerto con lode all’unanimità. Nel 1974 vincitrice al concorso internazionale “Primavera di Praga” e inizio dell’insegnamento all’Università di Musica di Vienna. La musica da camera è da sempre il centro del suo engagement artistico. Fondazione del “Quartetto Eurasia”, membro pluriennale dei “Solisti di Bach di Vienna” e del “Nonetto viennese”. Nel 1983 fondazione dell’ensemble “Vienna Flautists”, un singolare raggruppamento di flauti traversi dal contrabbasso al piccolo. Attività concertistica internazionale con i Vienna Flautists, in recital per flauto e, dal 1995, con lo Jubal Trio (flauto, violoncello, pianoforte). In queste formazioni incisioni di 12 CD per Orfeo, Discover e Camerata Tokyo. Barbara Gisler-Haase è autrice della scuola di flauto in tre volumi “Magic flute” e della serie “fit for the flute” della Universal Edition Vienna. Dirige una classe di educazione artistica all’Università di Musica di Vienna e tiene annualmente corsi di perfezionamento.

Eva Landkammer (violoncello) nasce a Vienna. Riceve le sue prime lezioni di violoncello al Conservatorio di Vienna. Nel 1969 vince il primo premio al concorso “Jugend musiziert” (“La gioventù suona”). In seguito studia all’Università di Musica presso Andre Navarra e nel 1979 si diploma in concerto con lode. Dopo aver seguito alcuni corsi di perfezionamento con Pierre Fournier completa i suoi studi a Düsseldorf con Johannes Goritzki, di cui in questo periodo è anche assistente al Istituto Robert Schumann. Al termine degli studi suona nell’Orchestra Sinfonica dell’ORF e alla Wiener Kammerorchester. Dal 1983 insegna in una scuola musicale di Vienna. Dal 1983 al 1987 è stata membro del “Barocktrio – Wien” e si è occupata della pratica esecutiva storica. Punto cardine musicale è la musica da camera. Dal 1997 tiene regolarmente concerti con lo “JUBAL TRIO – WIEN”. Registrazioni di CD con la Camerata Tokyo, Hungaroton e Koch – Discover. Insegna presso le scuole musicali di Vienna e dal 1995 è professore incaricato all’Università di Musica e Arte Figurativa di Vienna.

Adrian Cox (pianoforte) Nato a Londra nel 1952, all‘età di sei anni prende le prime lezioni di pianoforte; dal 1970 studia pianoforte al Royal Northern College of Music e all’Università di Musica di Vienna Tra l’altro consegue i seguenti diplomi: -Associate of the Royal Northern College of Music -Graduate of the Royal Schools of Music -Diploma con lode (premio di riconoscimento), Università di Musica di Vienna Molto richiesto come pianista di musica da camera; concerti e attività radiofonica in tutta Europa, negli USA e in Giappone. Numerosi CD, tra l’altro con il Trio di Clarinetti di Vienna e Wolfgang Schulz Direttore della classe di musica da camera presso l’Accademia Estiva Internazionale di Lenk, Svizzera L’insegnamento del pianoforte come processo d’apprendimento olistico. Ritmo e improvvisazione costituiscono le componenti per un insegnamento vivo del pianoforte in cui l’allievo è sempre in primo piano. Formazione come insegnante Feldenkrais presso Jeremy Krauss. Dal 2004 insegna il metodo Feldenkrais all’Università di Musica di Vienna. Cox attribuisce grande valore al modo in cui poter applicare il metodo Feldenkrais nell’insegnamento di uno strumento.

%d bloggers like this: